La LEGIO VI FERRATA ha partecipato a questo evento ad Abano Terme (Padova) nei giorni 7-8-9 aprile, prima rievocazione storica 2017 della Legione, che si è presentata ad Abano in equipaggiamento di epoca imperiale romana.
Secondo alcune fonti, l’origine del nome di Abano deriva da APONUS, il dio delle acque termali. Le antiche terme occuparono una vasta area sul versante orientale dei Colli Euganei e raggiunsero il massimo splendore in età imperiale.
L’importanza che il luogo aveva nell’antichità è documentata dalle citazioni di numerosi scrittori latini, tra cui Plinio il Vecchio, Marziale, Tito Livio (che, stando ad un versetto di Marziale, qui sarebbe nato), Svetonio, Cassiodoro, Claudiano, con la denominazione di “AQVAE PATAVINORVM”.
Svetonio, che scrisse a cavallo tra il I ed il II secolo d.C., riferì che Tiberio, recandosi a combattere in Illiria, si fermò al tempio di APONUS per consultare l’oracolo circa l’esito della guerra: dopo aver avuto un responso favorevole, gettò nella fonte alcuni dadi d’oro. Fu in quegli anni che Padova (l’antica Patavium, in Latino) ed i territori limitrofi diventarono un municipio romano e la nobiltà locale, ad imitazione di quanto accadeva a ROMA, diede grande importanza alle cure termali, sviluppandone l’attività e le relative infrastrutture.
Non solo parate, vita da campo, didattiche e cerimonia di giuramento delle nuove reclute .. ad “APONUS: Rievocazione di Abano Romana” anche molte esercitazioni ed addestramenti per i nostri Milites. Il rumore cadenzato delle calighe dei legionari imperiali ha rieccheggiato ancora una volta ad Abano, per onorare le antiche divinità, Aponus ed Igea, e commemorare il valore dei nostri antichi Fratres, veterani di mille battaglie .. che questa terra fortunata hanno avuto in dono, al congedo dalle loro marziali fatiche.
Annunci